AGE OF CONAN (Preview Gamesradar)

INTRODUZIONE
Secondo l’autore e studioso americano Sprague de Camp, le storie di questo filone narrativo sono “fantasie avventurose che si svolgono in mondi immaginari e preistorici o medievali, quando tutti gli uomini erano forti, tutte le donne belle, tutti i problemi semplici e la vita tutta un’avventura”. In effetti, le terre in cui si ambientano le gesta di Conan sono divise in regni magnifici: “Nemedia, Ophir, Brythunia e Iperborea; Zamora dalle brune fanciulle e le torri infestate dai ragni, Zingara dalla potente cavalleria, Stigia con le sue tombe guardate dalle ombre e Ircania, dai cavalieri vestiti di ferro, seta e oro…” (Le Cronache Nemediane).
Un’atmosfera da sogno, che gli sviluppatori di Funcom promettono di farci rivivere in Age of Conan – Hyborian Adventures. Per la sua nuova fatica, il team norvegese ha scelto di cimentarsi in un genere in cui i concorrenti importanti non mancano. Con la sfrontatezza dell’eroe barbaro, infatti, Age of Conan andrà a sfidare i “grossi calibri” dei MMORPG fantasy, quali World of Warcraft ed EverQuest II, sul loro stesso terreno. Certo, l’esperienza accumulata con Anarchy Online, uno dei migliori GdR online di stampo fantascientifico, sarà di grande aiuto ai programmatori, che hanno riunito per l’occasione una squadra di una sessantina di elementi.

IL GIOCO
Le notizie di cui disponiamo al momento vengono direttamente da Gaute Godager, game director di Age of Conan – Hyborian Adventures. Il gioco sarà diviso in due parti. Nel corso dei primi venti livelli della sua evoluzione, il nostro personaggio sarà guidato da una storia personalizzata, all’interno della quale quattro archi narrativi si intrecceranno portando a “finali” differenti. Questa sezione segnerà l’inizio dell’esistenza del nostro alter ego quale avventuriero. La seconda parte della sua vita (gli ultimi sessanta livelli) vedrà una collaborazione sempre più intensa con gli altri giocatori e, soprattutto, condurrà alla scoperta dell’enorme continente Hyboriano (secondo la storiografia “immaginaria” di Howard, la Terra di 10-15.000 anni orsono). Sarà dunque tempo di combattere demoni, stringere amicizie con altri esploratori, costruire città e villaggi, e lasciarsi coinvolgere nei duelli con partecipanti “in carne e ossa”.

IL TERRITORIO
Funcom ci ha tenuto a sottolineare che il mondo di gioco sarà smisurato e che rifletterà pienamente lo spirito dei racconti di Conan. Più di trenta regioni daranno modo di attraversare i picchi innevati della Cimmeria; le Marche Bossoniane; Tarantia, la tentacolare capitale di Aquilonia; per non parlare della tenebrosa Stigia, dove il male alberga e prospera nell’oscurità delle rovine acheroniane. Ogni zona avrà la propria storia e proporrà incontri, eroi e mostri differenti.

LA NARRAZIONE
Non mancheranno alcuni arci-nemici storici del forzuto cimmero, uno dei quali sarà la mente dietro il sinistro complotto di cui saremo vittima nei primi livelli. Tale macchinazione metterà in pericolo lo stesso trono del Re di Aquilonia (Conan sarà sovrano). Secondo la carriera che sceglieremo di intraprendere, giocheremo un ruolo sostanziale nella vicenda, cambiando per sempre il nostro destino, quello del villaggio di Tortage (da cui partirà l’avventura) e i rapporti con Re Conan in persona.

IL COMBATTIMENTO / PVP
In un contesto tanto tumultuoso, le occasioni per menare le mani si sprecheranno. Gaute Godager ci ha assicurato che i combattimenti si baseranno su un sistema che consentirà di indirizzare i colpi esattamente dove vorremo. La stessa meccanica si applicherà anche agli attacchi con le armi da lancio, agli incantesimi e agli scontri a cavallo, portando a combinazioni dagli effetti micidiali. Naturalmente, la precisione e i riflessi del giocatore saranno importanti, ma non quanto le caratteristiche del suo personaggio. Se le abilità e i livelli d’esperienza del nostro alter ego non saranno abbastanza sviluppati, i nemici più potenti avranno facilmente ragione dei nostri sforzi. A questo sistema, denominato Real Combat, si accosterà l’impiego delle formazioni.
Un po’ come accadeva in classici dei GdR single player, quali Baldur’s Gate, Age of Conan consentirà alle compagnie di eroi di muoversi e affrontare gli scontri organizzate in piccoli schieramenti. Il leader del gruppo sarà in grado di decidere tra diverse formazioni, ma anche di attribuire più gradi di libertà di movimento all’interno delle stesse ai componenti del gruppo, siano personaggi giocanti o meno. In determinate situazioni, la scelta della giusta formazione sarà vitale, per esempio quando il nostro party verrà caricato da una decina di cavalieri in armatura mulinanti spade e asce!

COMBATTIMENTI SU LARGA SCALA
Passando, invece, agli scontri su grande scala, il MMORPG di Funcom prevederà dei veri e propri assedi. Abbiamo già accennato al fatto che i partecipanti saranno in grado di edificare intere città, con mura, torri e rocche, così da proteggere le abitazioni, le locande e le botteghe dei mercanti. Nelle stesse regioni, però, anche i nemici (i terribili Pitti, i banditi o altra feccia simile) costruiranno i propri insediamenti. Come insegnano le imprese di Conan, non accadrà di rado che gli avversari decidano di “sconfinare” e muovere guerra all’avamposto vicino. In casi simili, il nostro personaggio riceverà un avvertimento, in tempo per tornare alla propria città e difenderne il perimetro contro le catapulte e le orde assetate di sangue che tenteranno di aprirvi una breccia. Nulla vieterà, comunque, di compiere attacchi preventivi, diretti agli stanziamenti nemici.

INTELLIGENZA ARTIFICIALE
Si pone, quindi, l’interrogativo su quale enfasi verrà posta sull’Intelligenza Artificiale che animerà i personaggi non giocanti (PNG). Gaute Godager ha messo subito in chiaro che in Age of Conan non saremo mai costretti all’umiliante pratica della caccia ai topi o ai coniglietti. Le creature con cui ci confronteremo saranno spinte da un comportamento sensato e gli animali da preda fuggiranno quando percepiranno la nostra presenza (i PGN, così come i nostri protagonisti, saranno realisticamente dotati di vista, udito e olfatto), dunque bisognerà avvicinarsi sottovento. I lupi, invece, tenderanno a cacciare in branco: potranno decidere di non attaccare una compagnia perché numerosa, oppure di accerchiare un viaggiatore solitario, magari tentando persino di disarcionarlo. Vedersela con un “pezzo da novanta” come un dinosauro carnivoro sarà tutto un altro paio di maniche e imporrà di stringersi in gruppo, serrando gli scudi e affidandosi a lance lunghe e acuminate. A meno di non avere l’agilità, i muscoli e il fegato di un certo cimmero…

IL PERSONAGGIO
Seguendo l’esempio di altri GdR online di successo, Age of Conan prediligerà un approccio intuitivo per quanto riguarderà la creazione e lo sviluppo del personaggio. Saremo liberi di “disegnarne” l’aspetto fisico secondo le nostre preferenze e, nel corso del gioco, avremo modo di applicare dei cambiamenti permanenti, per esempio cicatrici di battaglia, così da testimoniare le traversie affrontate.

L’EVOLUZIONE
Per i primi cinque livelli saremo dei “semplici” cimmeri, aquiloniani o stigiani. In seguito, sceglieremo la nostra strada tra quattro grandi classici dei giochi di ruolo: Mago, Prete, Ladro o Guerriero (con un tocco hyboriano). Quando raggiungeremo il ventesimo livello, ci verrà offerta un’ulteriore facoltà di approfondimento della classe (optando tra tre o quattro archetipi), che si “ramificherà” in due specializzazioni una volta guadagnato il sessantesimo livello. In più, al quarantesimo livello saremo liberi di optare per una tra quattro professioni: Craftsman (grazie a cui fabbricare oggetti), Master (ottenendo uno scudiero), Commander (versato nella gestione di più compagni) e General (esperto negli assedi).

CONCLUSIONE
Age of Conan – Hyborian Adventures procede con il passo rapido e sicuro della pantera verso il debutto sulla scena dei MMORPG, previsto per i primi mesi del 2006. Esattamente come l’eroe cui si ispira, promette guai a chiunque si trovi sulla sua strada, ma anche emozioni a chi voglia vivere delle imprese fantastiche al suo fianco. Staremo a vedere se i campioni di World of Warcraft sapranno arrestarne la carica.

Annunci

~ di Cata su 10 novembre 2005.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: