Preview Gamespot: combattimento, magia e quest

Ecco la traduzione di un’interessante preview apparsa su Gamespot il 2 luglio 2007 (ad opera di Andrew Park) riguardante il combattimento, le quest iniziali e la magia di alto livello.

Oggigiorno molte narrazioni fantasy si ispirano alla famosissima epopea del Signore degli Anelli scritta da J.R.R.Tolkien, questa però non è l’unica saga fantasy nata agli inizi del ventesimo secolo, negli anni 30 lo scrittore e poeta Robert E. Howard creò Conan il Barbaro un potente guerriero ed un’abile furfante che in due film degli anni 80 sarà impersonato da un certo governatore della California, sicuramente gli amanti di quasta saga gradiranno l’imminente mmog Age of Conan: Hyborian Adventures. Questo gioco, sviluppato da Funcom ed edito da Eidos, ci catapulterà nel mondo oscuro e violento di Hyboria, caratterizzato da battaglie in grande stile, che assomigliano più a quelle di un giocoo d’azione che a quelle cui siete abituati a vedere nei giochi di questo tipo, solitamente basate su sistemi di combattimento automatico. Oltre a questo AoC offre una vasta componente singleplayer, tre razze giocabili corrispondenti a tre nazioni differenti, e la possibilità di avventure assieme o contro altri giocatori. Nella nostra recente esperienza di gioco ci siamo focalizzati sul combattimento sia magico che melee (corpo a corpo ndt).

Abbiamo cominciato il nostro tour del gioco dalla schermata di creazione dei personaggi, questa è ambientata all’interno di una galea schiavista, da dove il nostro pg fuggirà. Abbiamo velocemente creato un cimmiero (la Cimmeria è la casa di Conan e una delle tre nazioni da cui traggono origine i pg, le altre sono Aquilonia e Stygia) e abbiamo cominciato la nostra avventura. All’inizio il vostro personaggio si ritroverà nudo, senza ricordi (a causa di un’amnesia) e armato solo di un remo spezzato, su di una spiaggia circondata dalla giungla
Un altro naufrago vi assegnerà la prima quest, attraverso una sequenza cinematografica ed interattiva, che ricorda molto quelle viste in giochi come Knights of the Old Republic e The Elder Scrolls IV: Oblivion. Come ci verrà presto detto, un terzo sopravvissuto della galea, il capo schiavista, è in fuga verso la vicina città e deve essere eliminato pima che possa denunciare la presenza di noi schiavi, alle autorità.
Durante il nostro inseguimento abbiamo trovato pure una stygiana mezza nuda legata per i polsi ad un albero; attraverso un’altra sequenza cinematografica le parleremo, scoprendo che per liberarla è necessaria la chiave posseduta da un accattone poco di buono e che per convincerlo serviranno le maniere forti, dopo aver preparato il nostro remo spezzato siamo andati a cercarlo.

La versione iniziale del gioco, con cui avevamo già giocato, ha la maggior parte dei menù (inventario, skil, ecc) lungo il bordo superiore dello schermo, una minimappa in basso a destra e leggermente spostato a sinistra rispetto a quest’ultimo elemento il menù di combattimento. Nella versione PC, di default, i tasti W,A,S,D saranno usati per muoversi come negli fps, userete anche i tasti Q,E e i numeri dall’1 al 3 per eseguire gli attacchi melee, che includono un’affondo in avanti (2) due fendenti diagonali dall’alto in basso (1 e 3) e due colpi laterali (Q ed E), tutti e cinque i tasti sono rappresentati sulle schermo da icone. All’inizo delle vostre carriere non avrete alcuna abilità nel combattimento, ma per fortuna i vostri nemici iniziali saranno piuttosto deboli.
Con il tempo imparerete differenti “posizioni di combattimento” (combat stance) che vi permetteranno di eseguire varie combinazioni d’attacco (combo ndt) con le quali potrete infliggere gravi danni ad interi gruppi di più nemici. Posizionandole sulla vostra barra di combattimento (nella parte bassa dello schermo) le renderete attive e potrete utilizzarle, le icone corrispondenti ai tasti di combattimento (Q,1,2,3,E) si illumineranno automaticamente segnalandovi quali combo possono essere eseguite in quel momento e premendo il tasto corrispondente darete il via alla combinazione d’attacco, che completerete seguendo i tasti che via via si illumineranno (indicandovi la corretta sequenza). Durante una combo il tempo per eseguire il vari passi sarà limitato (ma generoso), e le combinazioni più complesse saranno completabili in modi differenti. Tutti gli attacchi consumano una certa quantità di stamina (visualizzata su di un’apposita barra) e sarà necessario attendere un po’ prima di eseguirli nuovamente. Infine pur non potendo schivare o parare i colpi dei nemici (schivata e parata sono automatiche e gestite dal server ndt) potrete tentare di evitarli premendo rapidamente i tasti direzionali (WASD), un po’ come in Unreal Tournament.

Dopo aver familiarizzato con i controlli, abbiamo ucciso il carceriere e liberato la fanciulla che ci seguirà, attraverso la giungla lussureggiante, sulla via della città, dove incontreremo (e combatteremo) alcuni rognosi banditi.
Sin qui i nemici non erano molto pericolosi, così abbiamo fatto un balzo in avanti e ci siamo ritrovati in una valle con un clima autunnale dove i Pitti, che in questo caso assomigliano più a guerrieri Aztechi, hanno eretto numerosi accampamenti e taglieggiano un decrepito mercante che ci chiederà di eliminarli. Per affrontare i selvaggi il nostro pg, che è stato portato a livello 13 (il massimo sarà 80) si è unito ad un gruppo di altri giocatori.
Seguendo un tortuoso sentiero all’interno della valle, abbiamo combattuto non solo guerrieri: ma anche Stegoni Pitti (avversari resistenti che evocavano uno scudo elettrico attorno ai loro corpi, per poi lanciarsi nella mischia combattendo a mani nude); enormi guerrieri demoniaci che ci hanno attaccato con clave a tre teste; e pipistrelli giganti che evidentemente i Pitti allevano come animali domestici. I combattimenti, in particolare quelli contro più gruppi di nemici, si sono rilevati molto duri e gestire la situazione è stato tutt’altro che facile, ed ha richiesco molta attenzione.

Oltre a poter selezionare i nemici direttamente con un click, il gioco ha un sistema di auto-targeting che seleziona il nemico più vicino verso cui siete rivolti e che state attaccando. Tuttavia se userete una combo colpierte attorno a voi, e potrete danneggiare più avversari contemporaneamente; stando però attenti a non perdere di vista i nemici a causa delle animazioni o dell’accecante pioggia di sangue che vi circonderà.
Funcom ha dichiarato che il gioco è stato progettato per rientrerare nella “classe M” del sistema di classificazione ESRB, dove M sta per “contenuti maturi”, e non ci sono dubbi che rientrerà in questa categoria, anche per la presenza di cruenti colpi di grazia, quest’ultimi saranno casuali e si baseranno sulle abilità combattive dei pg. Colpi particolarmente brutali, come ad esempio una decapitazione, imbratteranno di sangue il vostro schermo (temporaneamente).

Per concludere abbiamo fatto un balzo in avanti alla ricerca di un’area che offrisse sfide più avvincenti; un enorme, nevoso passo di montagna, che appare estremamente pittoresco se osservato da uno dei picchi circostanti — ma non era solo uno sfondo. Quest’area è un’ambiente completamente costruito e noi possiamo attraversarlo in lungo e in largo. Nella valle di questa regione risiedono Pitti e ai piedi delle montagne hanno trovato rifugio bande di nordici Vanir. Per girovagare in quest’area in nostro personaggio è stato potenziato sino al 55° livello, questa volta vestiamo i panni di un demonologist che detiene vari poteri elementali, come ad esempio magia basate sul fuoco e sull’elettricità, e anche dei debuff che indeboliscono gli avversari. Oltre a questi poteri il demonologist dovrebbe anche poter evocare degli alleati (pet), ma in questa sessione di gioco non abbiamo avuto la possibilità di vederli.
Il nostro personaggio era in grado di eliminare i propi avversari dalla distanza usando uno stun di tipo elettrico al fine di bloccarli, per poi martellarli usando dei fulmini e/o delle magie AoE (Area of Effect ndt) che facevano piovere fuoco e fiamme in un’area determinata, che avevamo deciso prima del lancio.

Age of Conan sembra stia venendo bene. Il sistema di combattimento è differente da ogni altro visto fin’ora in un MMOG, ed è decisamente brutale e sanguinario, adatto a tutti coloro che stanno cercando questo genere di cose. Siamo impazienti di visionare meglio altre porzioni del gioco, come ad esempio la fase single-player e gli assedi. Restate sintonizzati su GameSpot (e sullo Scriba Stygiano :p ndt) per nuovi aggiornamenti sul gioco, che sarà lanciato alla fine di quest’anno.

Annunci

~ di Boelke su 7 luglio 2007.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: