Update su Age of Conan

Per tutti quelli che attendono marzo per mettere le propre mani sul prossimo capolavoro della Funcom eccovi un report realizzato dal News Manager di mmorpg.com, Keith Cross. L’autore dell’articolo è stato invitato a San Francisco a provare la beta e, che dire… i suoi commenti sono molto più che positivi. Non ci resta che leggere ed attendere, fiduciosi, la release di marzo. 😉

Se questo non è il primo articolo che leggi sul prossimo gioco della Funcom, allora probabilmente già sai che tra gli anni in cui Atlantis affondò e prima che i figli di Aryas iniziassero a fare le loro cose, c’era un’incredibile era, dove molti regni prosperosi erano sparsi per Hyborea. C’era l’oscura e misteriosa Stygia, la valorosa Aquilonia, e Cimmeria dove gli atlantinei fuggirono. E durante questa era venne un uomo di grande allegria e malinconia da cui quest’era prese il nome, l’Era di Conan.

Parlando di Age of Conan, ho recentemente avuto l’opportunità di partecipare ad un evento di stampa e dare uno sguardo all’hand-on di uno dei più anticipati giochi del 2008. Parecchie persone della Funcom, includendo il Direttore di Produzione Jorgen Tharaldsen, erano a disposizione per rispondere alle domande ed essere ammazzati dalla stampa in alcuni scontri PvP.

La mia esperienza ingame è iniziata con la creazione del personaggio la quale era abbastanza esauriente, considerando che non tutte le caratteristiche di customizzazione erano state aggiunte per questa dimostrazione. Quella di cui si sentiva maggiormente la mancanza era la possibilità di giocare personaggi femminili, dato che quella opzione non era disponibile in quel momento. Così mi sono messo al lavoro sul mio aquiloniano dai capelli scuri con barba tipicamente amish (ndLexatus – gli amish sono i membri di un gruppo cristiano nordamericano la cui caratteristica distintiva è l’avere una lunga barba). Alcuni tipi di capelli e di barbe non erano ancora pronti del tutto, tanto è vero che non si adattavano completamente al viso, lasciando un notevole gap tra le guance e la barba, ma questo è plausibile in questo stadio, dato che il gioco è ancora in beta con il lancio previsto per il 25 marzo 2008. Questi pochi problemi erano anche dovuti all’abbondanza di opzioni sia per il corpo che per il viso. Una delle caratteristiche più divertenti tra quelle che permettono di allungare il viso o assottigliare gli occhi, era lo slider per il naso, che pemetteva al giocatore di aggiustare la direzione e la grandezza del naso del proprio avatar. Anche il selettore triangolare usato per scegliere il tipo di corpo era una simpatica variazione rispetto ai selettori a due dimensioni destra-sinistra, e da una sensazione di avere maggiore libertà nello scegliere quanto grande, magro e/o muscoloso vuoi far essere il tuo personaggio. A parte il selettore per capelli particolari, cattivi, ed il fatto che non si potessero avere ragazze (che mi ricorda un po’ le scuole superiori) l’unica cosa mi sarebbe piaciuto vedere era il selettore di età, ma questa è più una preferenza personale che una mancanza del gioco.

La creazione del personaggio prendeva luogo sul ponte di una galea in un mare in tempesta, dove il giocatore ricopre la parte di uno schiavo, costretto a passare i suoi giorni faticando sui remi. Ma questa esperienza finisce non appena hai finito con la creazione del personaggio, così con il mio naso sufficientemente rotto, il mio perizoma aderente e la mia barba, ero bello e pronto per iniziare. L’esperienza inizia con il tuo personaggio stremato al suolo su una spiaggia tropicale senza memorie. La spiaggia è locata su un’isola chiamata Tortage e lo stadio del gioco in questo momento è di tutorial. Spendi i tuoi primi 5 livelli circa in un’istanza in modalità solitaria in cui la prima persona che incontri mentre ti fai strada verso l’entroterra è una donna poco vestita ed in catene nel cuore della giungla. Lei ti manda ad uccidere il suo carceriere e questo ti permette di imparare le basi del combattimento con una mazza di legno.

Devo ammettere di essermi divertito con il sistema di combattimento di Conan più di qualsiasi altro MMO a cui ho giocato quest’anno. Il sistema di combattimento di Age of Conan è cambiato un po’ dalle prime volte che è stato mostrato al pubblico. Nella sua attuale incarnazione esso ha il giusto miscuglio di design, animazioni e direzione artistica da rendere il combattimento una soddisfacente esperienza. A livelli bassi, quando non hai accesso a molto per quanto riguarda le abilità speciali, hai tre attacchi basilari: da sinistra, da destra o un attacco al disopra della testa colpendo in pieno il tuo avversario. Quando sei in combattimento, il nemico che hai selezionato mostra dei simboli in ognuno di queste aree (sinistra-destra-sopra) indicando il loro attuale stato difensivo per ognuna di queste direzioni. L’idea contempla il fatto che devi scegliere di attaccare l’area meno protetta se vuoi fare il danno maggiore. I nemici nell’area tutorial erano abbastanza facili da sconfiggere, ma abbastanza duri da mostrarti come non possano essere sconfitti semplicemente vagando in combattimento ed attaccando senza strategia, come puoi invece fare in molti altri MMO, ma se paghi attenzione alle loro difese puoi veramente abbattere i tuoi nemici efficientemente. Non ho letto numeri a tal proposito, ma sembra vi sia un rapporto di 3 colpi per sconfiggere un nemico premendo a caso i tasti, fino ad 1-2 colpi se usi strategia.

Questo è il semplice concetto che rende il combattimento in Age of Conan più attivo che in molti altri MMO, ma questo non è l’unico aspetto a renderlo divertente. A livelli alti questo sistema diviene più profondo man mano che ottiene l’accesso a movimenti speciali e combo. Un movimento speciale è gestito nello stesso modo degli altri MMO, magari un colpo fa più danno, un altro lo spinge indietro.. la lista continua. Ma ciò che lo rende divertente è che se esegui una mossa speciale con gli specifici attacchi direzionali fai una combo che arreca maggiori danni. Se finisci un avversario con una combo hai la possibilità di eseguire una delle mosse finali per cui Age of Conan è divenuto famoso, come la buona e sempre apprezzata decapitazione.

Abbiamo avuto la possibilità di testare le nostre abilità con le combo più avanti quando abbiamo lasciato Tortage per un’area di livello più alto. Ho esplorato due di tali aree con i miei colleghi della stampa, Connal’s Valley ed un luogo chiamato The Maze. Ovviamente le combo non erano le uniche cose che ho imparato qui. Qui è dove ho imparato la penalità per la morte; buone notizie: le penalità si sommano solo fino a tre volte. Le altre cose che ho imparato sono che se torni indietro al punto in cui sei morto e ritiri la tua tomba, le penalità vengono cancellate. Così la morte non è tanto cattiva se muori da qualche parte in cui non puoi tornare indietro facilmente (ndLexatus – non è come in altri mmorpg in cui devi tornare indietro in ghost mode e resuscitare nell’area in cui sei morto anche se sai che, data la difficoltà, morirai di nuovo).

Giocando ad altri MMO ho la tendenza ad essere avvolto dal combattimento e spingermi troppo lontano, dove successivamente vengo sopraffatto e muoio. Age of Conan incoraggia questo tipo di gioco (almeno per me) con l’impeto del combattimento, in cui oscilli la spada a destra e tutto il tuo corpo tende verso destra. Il motion capture per queste animazioni è veramente ben fatto ed aggiunge una sensazione di immersione, aiutandomi a rendere il combattimento più intuitivo e dall’apparenza più naturale. Inoltre incoraggia anche a pagare attenzione agli attacchi direzionali ed alle combo. Un problema che ho avuto spesso con gli MMO, specialmente a livelli bassi, è la mancanza del “fattore figo” per il mio personaggio. Ma con lo stile di Age of Conan, e con il soddisfacente combattimento, ti senti figo fin dall’inizio, maneggiando una rudimentale mazza di legno e schivando i rivali vestito solo di un perizoma.

Non dirò molto delle qualità grafiche di Conan, anche perché abbiamo ricevuto un gran numero di screenshot in questi giorni. Ma quello che voglio dire è che il gioco si è mostrato bello come nelle immagini. La grafica era splendida anche perché eseguivamo il gioco su macchine potenti, ma avevano un portatile con Age of Conan in esecuzione ed il gameplay non ha sofferto troppo. Onestamente non presto troppa attenzione alle grafiche appariscenti, basta che il gioco sia fluido e sia come lo sto cercando. Penso anche che sia importante che i personaggi, gli NPC, creature, città e terreni sia coerenti l’un con l’altro in un unico stile artistico. La Funcom ha fatto un buon lavoro su questo fronte, trovando un buon mix tra un aspetto stilizzato ed il fotorealismo, ed i personaggi appaiono come appartenenti in pieno a quel mondo.

Abbiamo terminato la parte demo della giornata con alcuni scontri PvP in uno scenario alla cattura la bandiera. C’era un po’ di frenesia all’inizio, ma quando tutti hanno poi preso la mano col gioco e scoperto come lavorare da squadra il fattore divertimento è aumentato. Mi è stato detto che il livello PvP di un personaggio è separato dal loro attuale livello, una meccanica intesa ad aiutare a bilanciare il PvP e renderlo più accessibile. Il resto del gioco è diviso nei primi 5 livelli del gioco dell’istanza tutorial, fino al livello 20 come un RPG in solo, dopodiché il mondo si apre diventando completamente un MMO (ndLexatus – questo punto potrebbe trarre in inganno: in realtà la modalità in solo è attivabile solo andando a dormire nella taverna di Tortage, la Thirsty Dog Inn, e passando allo scenario notturno. Quando ripassate allo scenario di giorno giocate comunque con tutti gli altri player, anche prima, quindi, di aver concluso il tutorial. Altre informazioni le trovate nei thread del forum ufficiale).

Dopo che è finito il tempo di gioco a disposizione ho avuto la possibilità di parlare al Direttore di Produzione, Jorgen Tharaldsen. A causa del corrente stadio in cui si trova Age of Conan non ha potuto rispondere a molte delle mie domande, ma abbiamo avuto un’interessante conversazione circa l’attuale faida tra i fan di Age of Conan e quelli di Warhammer Online. Quando gli è stato chiesto qualcosa circa il dibattimento Jorgen ha detto, “io penso che il nostro gioco sarà fantastico”. Ma poi ha aggiunto, “ma penso che anche Warhammer lo sarà. Abbiamo solo adottato differenti filosofie di design. Loro stanno prendendo un approccio più tradizionale agli MMO, mentre noi stiamo cercando qualcosa leggermente differente”.

Fonte dell’articolo

Annunci

~ di Francesco Salvatore Onorio su 17 dicembre 2007.

Una Risposta to “Update su Age of Conan”

  1. Ottime informazioni! Sono davvero curioso di provare questo combat system.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: