Ripensandoci….

Stephen “weezer” Spiteri nel suo ultimo editoriale del Mitra’s Method analizza le  novita’ di Age of Conan tra cui le ultime informazioni sulla beta e la lettera del Game Director in un bell’articolo che lo Scriba ha tradotto per voi e di cui potete trovare l’originale a questo link.

Mi ha fatto sentire molto bene l’andamento dell’ultima edizione del Mitra’s Method essendo stato il primo editoriale serio dell’anno. E’ stato molto soddisfacente vedere che cosi’ tanti lettori hanno guardato l’articolo e aver ricevuto cosi’ tante email contenenti i vostri pensieri, congetture, e feedback e volevo quindi ringraziarvi tutti per avermi scritto; i vostri commenti sono sempre bene apprezzati.

Le ultime settimane sono state veramente piene di eventi anche dopo il bombardamento di informazioni ricevute al Community Event della FUncom che e’ stato un solido inizio di anno. Il Friday update della scorsa settimana ha parlato di quello che e’ successo in beta e la comunita’ ha finalmente saputo dell’arrivo delle “donne” in Hyboria e questo sta’ riportando nel gioco la giusta dose di “femme fatale” che ci era stata promessa tempo addietro.

I beta tester apparentemente hanno potuto tener caldi i loro modem e routers con la serie di patch per il client della beta rilasciate ultimamente di cui una di circa 2.5 Gigabytes.

“Le ultime settimane sono state molto impegnative dato che solo per darvi un’idea abbiamo patchato il gioco il 24, il 29 e il 31 di gennaio ed anche il 7 e il 7 febbraio. La patch di mercoledi’ 13 era circa 2.5 gb!”

Nell’update della scorsa settimana veniva anche detto che sarebbe stato aperto presto un server/reame PvP per la beta:

“…siamo lieti di annunciarvi che non siamo lontani dall’aprire il primo server di Age Of Conan PVP per i tester della General Beta proprio per essere sicuri che l’esperienza PVP di Age of Conan sia quella che vi abbiamo anticipato.”

Da queste informazioni si ha la sensazione che le cose stiano progredendo molto bene nella beta e che la data di rilascio del 20 Maggio possa essere rispettata anche se lo scetticismo di una minoranza degli utenti riguardo la data di rilascio puo’ essere capita. Sono felice di dire che proprio oggi ho fatto il pre-order della mia copia della Collector’s Edition di ‘Age of Conan’ (ndt: in america e’ gia’ possibile preordinarlo… per l’europa ancora no) per cui potete star tranquilli che la confidenza della base di gioco sta’ crescendo.

Lunedi’ 12 Febbraio ha visto la Funcom pubblicare un report sullo “stato del gioco” scritto dal Game Director Gaute Godager. Alcuni potrebbero aver saltato questo report come se fosse solo roba da PR ma non si puo’ negare l’importanza di questo tipo di cose per il come e il quando sono state dette. Se, per esempio, (e voglio mettere grossa enfasi su quel “se”), un gioco nel corso del suo sviluppo sembra destinato al fallimento, un game director o manager non se ne uscirebbe facilmente e apertamente con un “Siamo nei guai”. Penso che questo pensiero di “guai” sia semplicemente un’opinione dato che siamo noi che non ci stiamo lavorando che analizziamo (ansi analizziamo troppo) tutte i pezzetti di informazione che riusciamo a prendere del gioco (il poco che e’ pubblico o che passa l’NDA) e lo confrontiamo con esperienze similari di un fan che aspetta un altro gioco in sviluppo. Sicuramente potrete sentire un game developer dire qualcosa del genere di tanto in tanto ma non vuol dire forse cose diverse per ogni differente gioco?

Senza menzionare alcun gioco in particolare o il “pensiero” dietro di questo ci sono stati degli sviluppatori e dei manager che non hanno avuto questa trasparenza con le relazioni con il pubblico. Sempre per non nominare un particolare gioco o un manager nello specifico, sono sicuro che ricorderete tutti un tempo in cui fu’ detta una cosa che in realta’ si dimostro’ completamente differente, come quando vostra moglie o qualche altra persona importante vi chiede “Il mio sedere ti sembra grande vestita cosi’?” e voi dite senza esitazioni “No cara, ti sta’ bene” sapendo bene che invece sembra una balena naufragata su una spiaggia. Una cosa che penso possiamo apprezzare della Funcom e’ la trasparenza che ha sempre avuto.

Abbiamo sentito mormorare di cose che sarebbero state tagliate da Age of Conan, o cambiate cosi’ drammaticamente che sarebbe rimasta solo l’ombra di come erano state concepite. Questa e’ stata una delle grandi preoccupazioni della comunita’: cosa e’ stato tagliato dal gioco e perche’? La delusione per ogni tipo di taglio o cambiamento e’ comprensibile ma credo che spesso si dimentichi troppo facilmente  che quello che all’inizio sembrava un’idea molto bella, dopo essere stata rivista non sembrava funzionare poi tanto bene o sembrava poco praticabile e finiva per essere contraddittoria e tutti noi sappiamo che la Funcom vuole “rimanere attaccata” alla visione di Hyboria di Howard e alla propria visione di Age of Conan.

“Alla fine di una giornata lavorativa qualcuno deve pur dire – questa era un idea migliore sulla carta che non in gioco. Focalizziamoci su quello che c’e’ per il bene del gioco.-“

La prima cosa del blocco tagliato – penso possiamo chiamarlo cosi’ – sono state le “Formazioni di giocatori”:

“Le formazioni di giocatori erano state implementate e testate e c’erano gia’ tutti i tool pronti per gestire il posizionamento e gli effetti. Il problema e’ stato che l’essere in formazione e perdere il controllo del proprio personaggio non ha mai eccitato i giocatori. Vedere il proprio personaggio  muoversi quando qualcun’altro sceglie di farlo e’ qualcosa che mia l’idea di gioco, non pensate anche voi? La coordinazione di una formazione volontaria era troppo complessa per moltissimi giocatori specialmente con il sistema di gestione delle collisioni. Semplicemente le formazioni non erano divertenti!”

Le formazioni, in qualche modo, sono qualcosa che mi hanno attirato a ‘Age of Conan’, principalmente perche’ non sono capace a fare strategia, tattiche, piani di battaglia e cambiarli al volo a seconda dei cambiamenti di quel che succede.  Non ero contrario a non avere il controllo del mio personaggio mentre ero “bloccato” in una formazione da battaglia, ma Gaute e’ nel giusto quando afferma che questo design, essenzialmente, non e’ divertente per il giocatore.

L’idea dietro ogni gioco e’ che il giocatore ha il controllo di tutto quello che sta’ facendo e non ci sono eccezioni fatte per gli MMORPG. Una domanda che ci si deve porre e’ “Se io non ho il controllo del mio personaggio mentre sono in una formazione da battagli allora chi lo ha?”. Probabilmente penso che il giocatore in controllo potesse essere quello che aveva la classe di prestigio “Commander” (il “battle master”, se volete), un giocatore da solo. Nelle mani di questo giocatore c’e’ il fato di tutti i suoi compagni e potenzialmente di tutta la gilda. Potreste essere in una situazione dove il COmmander sceglie una formazione per il gruppo o la gilda su cui non siete d’accordo ma dato che lui ha il controllo non potete far nulla. Con un po’ di fortuna, la formazione poteva essere efficace, ma voi non avreste avuto nessun impatto sulla battaglia (questo non e’ divertente), oppure la formazione avrebbe potuto portare tutto il gruppo a una tremenda morte (tremenda quanto puo’ esserlo in un MMORPG ovviamente).

Io credo che il gruppo o la gilda sara’ in grado di creare e implementare le proprie formazioni manualmente e cioe’ un capo raid o capo gruppo o capo gilda comunichera’ ai suoi compagni dove mettersi in posizione. Questo richiedera’ ovviamente una grande organizzazione e buone capacita’ di comunicazione ma il divertimento del gruppo che riuscira’ a lavorare insieme e formare piani e formazioni in gioco sara’ molto piu’ alto. Ovviamente se questo non e’ il vostro stile potrete ricorrere semplicemente al buon vecchio metodo della corsa dei barbari (Raarrghhh!).

Anche se non e’ proprio un taglio ci sono state altre 2 classi che sono state unificate ad altre. Anche se questa volta non e’ stato drammatico come l’unione delle classi fatta lo scorso anno nello stessoperiodo, questa volta e’ stato un prendere le cose buone di alcune classi e darle a classi gia’ esistenti. Le classi di cui parlo sono il Lich e lo Scion of Set. Quello che ci e’ stato detto ad Oslo in gennaio e’ che il feedback della beta interna era che lo Scion of Set era la classe di preti meno popolare o che comunque non era cosi’ interessante da giocare. Lo Scion of Set e’ stato qiundi unito a quello che era conosciuto come Druid of the Storm (o “Stormcaller” come era poi stato chiamato) per diventare il Tempest of Set. Questa e’ stata una mossa critica dato che ora c’e’ un solo prete per ogni razza. Il Tempest of Set sara’ giocabile solo da personaggi Stigiani, il Bear Shaman dai Cimmeri e il Priest of Mitra dagli Aquiloniani. Dato che le razze in AoC non sono fazioni (a meno che non stiate in qualche modo giocando di ruolo in questo modo) c’e’ poca preoccupazione sulle implicazioni di questo. Da quel che ho visto ogni tipologia di prete gioca in maniera completamente differente dalle altre (il Bear Shaman e’ piu’ efficace in combattimento corpo a corpo ad esempio) quindi dipendera’ solo dalle situazioni o dallo stile di gioco quale sara’ il vostro prete preferito.

“Ho utilizzato la parola unite invece che tagliate perche’ in realta’ non abbiamo tolto dal gioco le caratteristiche basilari delle classi. Abbiamo preso il meglio di quello che avevano per rendere ancora piu’ uniche le altre classi in gioco. Alla fine quel che abbiamo scelto e’ stato – uniche, varie, divertenti, robuste.-“

Il Lich, l’altra classe che e’ stata unita, e’ stato amalgamato con il Necromancer. Ho sempre pensato che il Lich suonava troppo simile all’Herald of Xotli e quindi il tema “non morti” puo’ essere facilmente mantenuto prendendo le cose buone del Lich e dandole al Necromante. Questo significa che il Necromante prendera’ l’abilita’ del Lich di trasformarsi in un gigantesco non morto? Chi lo sa’? Penso che lo scopo della Funcom sia quello di far diventare l’Herald of Xotli una classe di mago unica e di variare la giocabilita’ e le differenze tra Necromancer e Demonologist (entrambe classi che evocano pet).

“Quando si guardano le classi per noi e’ stato piu’ importante guardare all’insieme invece che ai singoli pezzetti.”

Quindi alla fine Age of Conan offrira’ ai giocatori la scelta tra 12 classi differenti appartenenti a 4 differenti archetipi, ognuna unica rispetto alle altre e senza quei margini sfocati che spesso si trova nella suddivisione delle classi degli altri MMORPG. Ogni classe che Age of Conan offrira’ ai giocatori, anche dello stesso archetipo, sara’ un’esperienza di gioco diversa con linee di feat differenti e anche all’interno di ogni classe si potranno trovare stili di gioco completamente differenti.

Le “Classi di Prestigio” sono un’altra delle cose che mi avevano fatto guardare ad Age of Conan ma da quel che ho sentito o meglio da quel che Gaute ha detto nel suo report, anche queste creavano problemi in termini di sviluppo del personaggio e versabilita’.

“…le classi di prestigio facevano l’opposto di quello che pensavamo, non davano piu’ varieta’ o un solido sviluppo del personaggio ma chiudevano il giocatore in un angolo. Vogliamo che la crescita di un personaggio permetta scelte e non che sia come correre in fondo a un piccolo corridoio.”

Con le classi di prestigio rimosse cosa rimarra’ al giocatore per fare un particolare craft o avere una skill secondaria? Andando avanti a quello che Gaute dice nel report, sembra che ora i giocatori potranno scegliere il craft o queste skill secondarie a seconda di quel che pensano possa essere utile per se stessi o per la gilda per contribuire nelle citta’ fatte dai giocatori e per avere una vera economia creata dai giocatori in gioco. Gaute ha detto che quella delle Classi di Prestigio era una di quelle (poche) idee che “suonavano bene all’epoca”. Come per il taglio delle formazioni anche qui il cambiamento e’ stato fatto per permettere ai giocatori di non essere intrappolati in una “scatola”. Se ho bene interpretato ci saranno quei giocatori che vorranno imparare ogni singola skill, craft e commercio un po’ come quei noiosi bambini a scuola che vogliono provare tutto e vogliono saperlo fare bene. Ad ogni modo anche se siete un giocatore che vuole imparare solo una di queste cose non avrete problemi perche’ potrete decidere cosa fare e se siete in una gilda che ha bisogno di un certo tipo particolare di crafter avrete la possibilita’ di soddisfare la richiesta invece di provare a reclutare qualcuno con una specifica classe di prestigio o fare un nuovo personaggio solo per quello scopo; flessibilita’ ed adattabilita’.

L’ultima cosa tagliata riguarda la soul corruption ma da quel che ho scoperto negli uffici della Funcom a gennaio lo spell-weaving e la soul-corruption sono ancora dentro ma essere mandati all’inferno perche’ si e’ troppo “corrotti” non lo e’ piu’.

Quando ho sentito per la prima volta che si poteva finire all’inferno per essere diventati troppo corrotti il mio primo pensiero e’ stato “Bisognera’ combattere per tutta la via di ritorno ogni volta che si finira’ li’?”. Naturalmente una cosa del genere sarebbe diventata monotona soprattutto se l’istanza fosse sempre la stessa e dopo un po’ di volte la punizione avrebbe perso ogni senso proprio perche’ troppo monotona, come l’andare in prigione al Monopoli. Alla fine quella che sembrava una feature molto interessante sarebbe diventata una cosa odiosa.

La decisione della Funcom di rimuovere l’inferno da Age of Conan e’ stata presa pensando che se ci sono due o tre maghi che stanno, per esempio, creando un incantesimo particolarmente domplesso contro un demone gigante e vengono mandati all’inferno questo punirebbe l’intero gruppo e questo e’  impraticabile. I maghi verrebbero si condannati all’inferno ma lascerebbero il gruppo ad aspettare, nella migliore delle ipotesi, il loro ritorno o peggio ancora! Ad ogni modo la soul corruption rimane, ed e’ solo che il mago verra’ punito per il troppo uso delle arti oscure senza penalizzare pero’ l’esperienza di gioco ed io sono sicuro che molte classi di maghi (o che possono diventare “soul corrupted”) sentiranno che sara’ valsa la pena di essere corrotti per il chaos, la morte e la distruzione causate con le proprie mani.

“Andare all’inferno come risultato di aver fallito lo spell-weaving – Mhhh due maghi di importanza cruciale sono stati spazzati via da un raid di test e questo ci ha fatto pensare se l’idea dell’inferno era mai stata buona.”

Per il resto di Age of Conan, Gaute ha fatto una lista molto lunga di tutte le cose che sono ancora in gioco e lo saranno alla release e quindi non mi dilunghero’ a includerle qui ma come vi ho detto prima vi sara’ offerta una vera esperienza di “Conan” :

“Quando vi abbiamo dato una lista di funzionalita’ non era solo una vuota promessa di marketing per attrare la vostra attenzione ma c’era l’intenzione di dirvi cosa volevamo realizzare. Vi abbiamo detto la nostra visione del gioco. Questa visione non e’ cambiata per nulla! La vera esperienza di Conan vi aspetta.”

Sicuramente le persone saranno dispiaciute dei tagli e dei cambiamenti ma visto lo scopo e le ragioni nel report di Gaute sono sicuro che sono cose di cui ci dimenticheremo presto.

Ad ogni modo, questo report ci da’ una lezione dell’essere innovativi, quello che sembra “fantastico” o una buona idea non necessariamente avra’ vita lunga. Potete immaginare cosa sarebbe successo se la Funcom avesse messo dentro tutte queste cose per poi sentirsi dire dai giocatori “Hey queste cose sembravano fantastiche all’inizio, ma dopo averle provate un po’ di volte siamo stanchi!”. Si perdono acquirenti in questo modo.

Questo mi ricorda di qualcosa che Gaute ha detto alla comunita’ di se stesso quando ha annunciato il ritardo ad agosto dello scorso anno:

“sono ancora abbastanza professionale da realizzare che qualche volta devi avere le palle di tirarti giu’ le brache e rimanere li’ in tutta la tua gloria e ammettere di aver sbagliato.”

Dite quel che volete degli “errori” fatti dalla Funcom con Age of Conan, se ne trovate, ma personalmente penso che e’ meglio per la Funcom prendere queste decisioni per suo merito che non sentirle dagli acquirenti del gioco dopo l’uscita. A nessuno piace una folla inferocita.

 

“La grande casa di Hyboria e’ stata eretta e stiamo finendo gli ultimi lavori.”

 

Possa il 20 maggio arrivare presto…

Fino alla prossima uscita, qui Stephen “weezer” Spiteri,

Chiudo

Annunci

~ di heruel su 23 febbraio 2008.

Una Risposta to “Ripensandoci….”

  1. Ottima traduzione 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: